Nessuna paura del GDPR

Luigi Pirro Cos'è il GDPR Leave a Comment

Il GDPR è un’opportunità

È l’opportunità di pensare all’intera azienda con un approccio che non possa prescindere dal considerare tutte le componenti aziendali come un unicum che viene alimentato da ognuna di esse, per arrivare a produrre un risultato complessivo rappresentato dai fatturati, dagli utili, dalla riconoscibilità di marca, dall’affezione dei clienti, dal rispetto dei concorrenti, dalla stima dei fornitori, dalla considerazione generale degli stakeholder, dalla fiducia degli azionisti.

Questi i vantaggi:

1
Conservare una brand awareness positiva
i clienti, i fornitori, i subfornitori, i partner, gli outsourcer, saranno felici di lavorare con un azienda che ha un brand riconoscibile come di successo e sinonimo di sicurezza, rispetto delle norme, e affidabilità. Il “trattamento secondario”, che è quello che si fa trattando e profilando i dati successivamente alla loro raccolta originaria, sarà sempre più elevato e invasivo. Farlo senza il consenso dei propri clienti può costare caro in termini di disaffezione. Recenti studi affermano che chi ha abusato dei dati all’insaputa dei clienti ci ha rimesso 1/3 del fatturato in un anno;

2
Proteggere i dati = proteggere il business

La realizzazione di processi dinamici, progettati e adeguati in modo continuativo e conforme alla protezione dei dati consentiranno anche la protezione del know-how aziendale. La sicurezza delle conoscenze aziendali, delle metodiche adottate, dei processi di successo utilizzati dall’azienda è allo stesso tempo necessario e vitale;

3
Un ambiente di lavoro protetto attira le migliori risorse

Lavorare per l’azienda conforme, ma soprattutto ben attrezzata con un sistema efficace di gestione della privacy, è ambito e desiderato. Chi non vorrebbe lavorare in un’azienda che rispetta i diritti dei propri lavoratori e dei propri clienti?. Ci si potrà assicurare le migliori risorse del mercato;

4
Un ambiente di lavoro protetto rassicura i dipendenti

Processi efficaci, funzionali e rispettosi dei dati creano un ambiente di lavoro positivo che aumenta affezione e fedeltà dei dipendenti, e perché no anche la produttività se ne avvantaggerà. Uno dei primi motivi di violazione della sicurezza, e quindi dei danni derivanti da quella violazione, è costituito dalla distrazione o dalla superficialità nella gestione degli accessi alle risorse aziendali. Consapevolezza e formazione le parole d’ordine per rimediare. Gli accessi fraudolenti sono un’altra cosa che richiede altrettanta attenzione alla sicurezza;

5
Evitare costosi contenziosi

Le violazioni dei dati personali attirano cause civili lunghe e costose da parte di enti di protezione dei consumatori. Un’azienda di successo deve essere tale in ogni sua attività. I dati personali dei suoi clienti devono essere inviolabili e rispettati nell’utilizzo a norma di legge. In mancanza potrebbe essere preda di contenziosi per richiesta danni, e quindi impegnare risorse preziose per difendersi per dimostrare la propria estraneità o innocenza. Meglio evitare progettando processi aziendali immuni, conformi, sicuri e a prova di data breach;

6
Evitare le sanzioni

L’art. 83 prevede sanzioni elevatissime: fino a 20 mln di euro o fino al 4% del fatturato annuo se superiore. Il Garante potrebbe perseguire l’Azienda per il mancato rispetto delle norme con sanzioni così elevate da mettere a rischio lo stesso business. Poter dimostrare di aver realizzato sistemi di gestione affidabili, di aver realizzato tutte le tutele possibili adeguate al rischio e allo stato dell’arte, di conoscere perfettamente i trattamenti che vengono realizzati e quali possono essere i rischi a loro legati, può essere sufficiente a tenere indenne l’Azienda da tali condanne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *